News

Home / News / Coppettazione per la cellulite
Coppettazione per la cellulite

Coppettazione per la cellulite

Written on 29/03/2021
by Dr. Pasquale Ambrosio

La coppettazione è una pratica terapeutica tradizionale basata sull’effetto vuoto generato da apposite coppette sulla pelle e finalizzata al trattamento insufficienza venosa, nevralgie, ipertensione, malattie reumatiche e emicrania. I reali benefici sono messi in discussione dalla scienza ufficiale che ne sottolinea anche i rischi per la salute. Una evoluzione della coppettazione è rappresentata dalla vacuum terapia che, al contrario però, è anche una terapia medica.

Introduzione

La coppettazione è stata introdotta in Europa nel corso del medioevo dai mercanti provenienti dall’estremo oriente. Difatti, la tecnica è originaria della Cina dove ancora oggi è ampiamente utilizzata nella medicina tradizionale per la cura di svariati disturbi. In Occidente il suo impiego è fortemente criticato sia per i rischi legati ad ustioni ed altri effetti collaterali, sia per i benefici che secondo la scienza non sono provati.

Cos’è e come funziona la coppettazione

La coppettazione è una tecnica di medicina tradizionale che sfrutta l’effetto vuoto creato da apposite coppette per il trattamento di disturbi reumatici, nevralgie, disfunzioni del microcircolo. Il suo funzionamento è basato sul vuoto generato da una fiamma che viene lasciata a bruciare all’interno della coppetta. La suzione della pelle ha come finalità quella di aumentare il flusso sanguigno e linfatico e favorire dunque una maggiore ossigenazione dei tessuti ed un adeguato drenaggio delle sostanze di scarto.

 

La coppettazione viene utilizzata per il trattamento di:

  • Ritenzione idrica
  • Cellulite
  • Adiposità localizzate
  • Nevralgie
  • Ipertensione
  • Sciatica
  • Asma
  • Patologie reumatiche
  • Vene varicose
  • Dolori articolari e muscolari
  • Disturbi degli organi riproduttivi
  • Ansia e depressione

 

Nel trattamento della cellulite la coppettazione è utilizzata al fine di aiutare il microcircolo ed aiutare la vascolarizzazione dei tessuti. Per tali ragioni la coppettazione mobile è maggiormente indicata nel trattamento della cellulite rispetto alla tecnica tradizionale muovendosi sulla cute ed interessando maggiori aree da trattare.

Per la cellulite, inoltre, sta prendendo piede l’uso di coppette in silicone che sono utilizzate come ventose e non prevedono fiamme per generare il vuoto all’interno delle coppette. La coppettazione con il silicone può essere effettuata in casa senza particolari precauzioni e senza rischi per la salute.

L’obiettivo di tale tecnica per il trattamento della cellulite è finalizzato a:

  • Ripristinare il microcircolo
  • Drenare i liquidi in stasi
  • Ossigenare i tessuti
  • Eliminare le tossine

 

La coppettazione non è un trattamento medico e prima di intraprendere qualsiasi terapia è necessario valutare con il proprio medico condizioni limitanti al trattamento in essere. La durata delle sedute è variabile ed è correlata alla zona da trattare ed alla tipologia di tecnica utilizzata.

Esistono 3 tipi di coppettazione:

  • con incisione
  • tradizionale fissa
  •  mobile

La coppettazione mobile è la tipologia maggiormente utilizzata nel trattamento della cellulite e viene effettuata bagnando la superficie della pelle con dell’olio per permettere alla coppetta di scivolare facilmente sulla pelle e stimolare i tessuti sottostanti. La coppettazione mobile può essere effettuata anche con appositi dispositivi in silicone sempre previa umidificazione della pelle con acqua, olio, o altri unguenti.

 

L’evoluzione della coppettazione: la vacuum terapia

La vacuum terapia è un trattamento, sia medico che estetico, che utilizza il principio di fondo della coppettazione sebbene non comporti rischi per la salute poiché il vuoto è generato mediate l’ausilio di pompe a vuoto collegate ad un computer. L’efficacia e la sicurezza del trattamento, inoltre, sono determinate dalla possibilità di controllare e monitorare la pressione negativa esercitata sui tessuti dal vuoto e dalla totale assenza di fiamme in grado di generare ustioni come nella coppettazione tradizionale.

Nella vacuum terapia, le sedute hanno una durata variabile dai 20 ai 40 minuti e i trattamenti vanno intervallati ogni 7/15 giorni per un totale di 12/15 sedute totali. Gli effetti della terapia sono visibili già dopo i primi trattamenti mentre, per aumentarne l’efficacia, sono consigliate sedute di mantenimento su base mensile.

 

Rischi e controindicazioni della coppettazione

L’esecuzione della coppettazione deve necessariamente essere eseguita da personale qualificato e con una adeguata esperienza al fine di evitare rischi ed effetti indesiderati per la salute. I principali rischi della coppettazione sono ascrivibili a:

  • Ematomi
  • Ustioni
  • Dolore
  • Infezioni cutanee (se effettuata su ferite e lesioni)

Oltre ai possibili effetti indesiderati è necessario considerare che la coppettazione è sconsigliata, o addirittura vietata, in presenza di:

  • Psoriasi
  • Insufficienza cardiaca
  • Insufficienza renale
  • Disturbi epatici
  • Dermatosi
  • Obesità
  • Magrezza eccessiva
  • Fratture
  • Lesioni della cute
  • Ustioni

Fonti:

  • Medicine complementari per la salute e la performance. ATS Giacomo Catalani Editore, 2017.
  • Zhongchao Wu, Il grande libro illustrato della cupping therapy. La coppettazione: guarigione naturale con la Medicina Tradizionale Cinese, Edizioni Mediterranee, 2020.