News

Home / News / Ridurre la cellulite
Ridurre la cellulite

Ridurre la cellulite

Written on 29/03/2021
by Dr. Pasquale Ambrosio

Ridurre la cellulite è possibile ma non esiste un trattamento che possa eliminarla completamente. Può, certamente, essere attenuata e ed un’ottima arma per iniziare a combatterla è puntare su una dieta bilanciata e su una maggiore attività fisica.

La cellulite non risparmia nessuno, è resistente alle diete e colpisce anche le persone magre, il che spiega l’interesse dei ricercatori nello sviluppo e nell’offerta di tecniche sempre più innovative per trattare questo inestetismo.

 

Ma cos’è esattamente la cellulite e come la controlliamo?

La cellulite è una infiammazione cronica del pannicolo adiposo ovvero lo strato sottocutaneo deputato ad accumulare adipe. Nella cellulite questo tessuto subisce delle variazioni significative di volume a causa di un immagazzinamento eccessivo negli adipociti. Questa condizione provoca l’inspessimento dei setti fibrosi, con la conseguente pelle a buccia d’arancia, e un’azione negativa sulla circolazione linfatica e venosa interrompendo i flussi metabolici tra i tessuti interessati.

 

Ridurre la cellulite: le prime azioni da intraprendere

Le prime azioni da intraprendere per controllare la cellulite riguardano dieta ed esercizio fisico.

  • Dieta

Per prevenire la comparsa della cellulite, è necessario evitare un eccesso di: cibi lavorati, formaggi e salumi, sale, grassi, cibi fritti, zuccheri e farine raffinate e alimenti contenenti caseina (yogurt, formaggio). Nel frattempo, i prodotti più indicati per contrastare l’accumulo di grasso sono le carni magre, il pesce azzurro (acciughe, sgombri, sarde), la frutta e la verdura fresca nonché i legumi.

  • Sport

L’attività fisica è indispensabile per mantenere sano l’apparato circolatorio, prevenire la stasi venosa, ossigenare i tessuti, aiutare il consumo di grassi e tonificare pelle e muscoli.

 

Ridurre la cellulite: creme anticellulite

Le creme anticellulite promettono molto ma va ricordato che la loro efficacia è piuttosto bassa. Non penetrando negli strati più profondi dove si annida la cellulite, hanno solo effetti superficiali, migliorando l’aspetto della pelle se utilizzate costantemente.

 

Ridurre la cellulite: gli integratori alimentari servono?

L’efficacia degli integratori alimentari è discussa, inoltre la maggior parte degli integratori sono venduti su internet senza alcuna certezza sulla provenienza e la sicurezza dei prodotti stessi. Il ministero della salute mette in guardia dall’uso di integratori alimentari e pubblica periodicamente una lista dei prodotti e dei siti potenzialmente pericolosi. Per iniziare ad assumere integratori è sempre indicato chiederne parere al proprio medico.

Tra i prodotti sicuri, invece, ci si può affidare a sostanze naturali vendute sottoforma di tisane ed infusi, ottime soprattutto per il drenaggio, come:

  • Tè verde
  • Asparago
  • Equiseto
  • Betulla
  • Peduncoli di ciliegio
  • Mais
  • Gramigna
  • Tarassaco
  • Verga d’oro
  • Ortica
  • Ortosifon
  • Ononide spinosa
  • Pilosella
  • Prezzemolo

Alcune di queste sostanze come l’equiseto e il te verde hanno anche proprietà lipolitiche che possono, dunque, aiutare a sciogliere gli accumuli adiposi.

 

Ridurre la cellulite: il drenaggio “meccanico”

Una valida alternativa ai classici massaggi drenanti è la pressoterapia. Questo trattamento è eseguito con l’utilizzo di dispositivi gonfiabili posizionati intorno al corpo che gonfiandosi generano una pressione che simula il massaggio linfodrenante manuale. L’obiettivo è attivare la circolazione venosa e linfatica. La pressoterapia dura 40 minuti ed è anche un’arma efficace contro la ritenzione di liquidi.

 

Ridurre la cellulite: con infiltrazioni

Un’altra opzione è la mesoterapia. Ciò comporta l’iniezione di prodotti lipolitici che agiscono sul grasso accumulato. È particolarmente indicato in caso di problemi circolatori e cellulite diffusa. La somministrazione intradermica dei farmaci, inoltre, permette l’uso di un quantitativo minore di principio attivo con una maggiore resa, oltre ad un minore carico per l’organismo.

 

Ridurre la cellulite: trattamenti più innovativi

In medicina estetica negli ultimi anni sono stati elaborati una serie di trattamenti poco invasivi e particolarmente efficaci. Questi trattamenti concentrano la loro azione principalmente su:

  • Riduzione degli accumuli adiposi
  • Stimolazione cellulare a produrre elastina e collagene
  • Rispristino della funzionalità del microcircolo
  • Migliorare il tono e l’elasticità della pelle
  • Favorire il drenaggio di tossine e sostanze di scarto

I trattamenti più innovativi nell’ambito della medicina estetica includono:

La subcision guidata è finalizzata alla recisione dei setti fibrosi responsabili della pelle a buccia d’arancia.

  • Laserlipolisi

Questa tecnica prevede l’uso di laser sottocutaneo per scomporre gli adipociti e facilitarne l’eliminazione attraverso il drenaggio linfatico o il drenaggio meccanico.

Sfrutta le proprietà del calore per stimolare l’attività cellulare e sciogliere gli accumuli adiposi.

  • Cavitazione ultrasonica

Sfrutta le potenzialità degli ultrasuoni per provocare la “rottura” degli adipociti ed il conseguente drenaggio di acidi grassi, acqua e glicerolo.

L’azione della criolipolisi è diretta agli adipociti come in altri trattamenti ma mediante l’impiego di dispositivi che generano freddo.

 

Ridurre la cellulite: carbossiterapia

Uno dei trattamenti più recenti e che merita una menzione particolare è la carbossiterapia. La carbossiterapia è una delle tecniche utilizzate per combattere l’accumulo di grasso. L’anidride carbonica (CO2) viene iniettata a livello sottocutaneo con un ago sottile, accompagnata da un massaggio. Il risultato è l’aumento del flusso sanguigno e la mobilizzazione dei grassi, in modo da migliorare notevolmente l’aspetto della pelle e ridurre il volume e la pesantezza delle gambe.

 

Ridurre la cellulite: idroterapia

Viene praticata in centri di talassoterapia, centri benessere e terme. L’idroterapia è una delle tecniche più conosciute e consiste nell’effettuare ginnastica specifica in acqua. L’obiettivo è rafforzare i muscoli posturali, poiché l’azione sul ritorno venoso è quattro volte superiore a quella dei muscoli superficiali.

Idromassaggio, bagni e docce a getto, a loro volta, stimolano il ritorno venoso e linfatico. I getti subacquei assicurano un drenaggio linfatico manuale più elevato, con la potenza attiva esercitata dall’acqua sul corpo.

 

Ridurre la cellulite: trovare l’equilibrio

La cura della cellulite è un esercizio del tutto personale poiché ogni organismo ha un’impostazione di fondo che risponde in maniera diversa alle diete, all’attività fisica ed ai trattamenti. Imparare a conoscersi e trovare il punto di equilibrio, nella lotta a questo disturbo, è un passaggio centrale sebbene non privo di difficoltà.

 

 

Fonti:

  • Carlo D’Aniello, Manuale di Medicina Estetica, Masterbooks, 2019.
  • Alberto Massirone, Trattato di Medicina Estetica, Piccin Nuova-Libraria, 2010.
  • Enzo Emanuele, Cellulite: Advances in treatment: Facts and controversies, Clinics in Dermatology, Vol.1, Issue 6, 2013.